30 | 09 | 2020
Tutto su Confesercenti
Login

Newsletter
Per essere sempre aggiornato sulle attività della Confesercenti Macerata iscriviti alla newsletter
Riceverai comunicazioni periodiche su corsi, finanziamenti e altri servizi
I più letti
Banners

america

17361891 1154474921327496 3976356214152465797 n

logo2

image1-2

529230 332099453539637 1938449287 n

piaceri e sapori

14731301 1886005578279662 4304289684035041288 n

bar cavour

 ninocafe

 

nuovo paradiso

SFOGLIAr

notte più

heroes pub

biobottega-corridomnia-6-650x650

 

11473 4c55dcbfa735b

 

Administrator

Administrator

Confesercenti Marche seleziona giovani laureati in materie finanziarie  o economiche  e persone adulte con esperienza  nel mondo bancario o dei confidi, da impiegare nella rete commerciale di confidi.

Si richiedono spiccate capacità commerciali, dinamicità e determinazione.

Gli interessati possono inviare il curriculum entro il 31 agosto 2014 all’indirizzo e-mail:

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

BABY PIT STOP inaugurazione

Sabato 22 novembre ore 12,00 presso il bookshop di Palazzo Buonaccorsi l''amministrazione Comunale ha organizzato l'inaugurazione dei primi BABY PIT STOP cittadini che sono allestiti presso i luoghi della vita pubblica della città: Municipio, Biblioteca Mozzi Borgetti, Palazzo Buonaccorsi e Teatro Lauro Rossi.

Si tratta dell'allestimento di uno spazio comodo e sicuro per fermarsi ad allattare il proprio bambino o la propria bambina promosso e allestito in collaborazione con l’Asur Area Vasta n.3 di Macerata (Dipartimento Materno – Infantile).

Il Comune di Macerata attraverso l’ Assessorato alle Pari Opportunità, con  il supporto del Consiglio delle Donne e in collaborazione con l’Asur Area Vasta n.3 di Macerata (Dipartimento Materno – Infantile), promuove il Progetto Baby Pit Stop de La Leche League: una sosta sicura per l’allattamento.

Il progetto vuole creare sul territorio una importante rete di sostegno alla mamma che allatta.

 Cos’è il Baby Pit Stop de La Leche League?

È la possibilità per le mamme di allattare, sentendosi benvenute, all’interno di una struttura materno infantile (ospedale, consultorio, asilo), un esercizio commerciale o uno spazio pubblico (bar, farmacie, ristoranti, biblioteche, università, stazione, negozi, etc..), dove troveranno accoglienza, una sedia, e laddove sarà possibile, la possibilità di fare il cambio del pannolino. Il Baby Pit Stop de La Leche League sarà identificabile da una vetrofania all’ingresso. È un servizio gratuito e come tale non obbliga l’utilizzo commerciale della struttura.

 Cosa deve prevedere?

Una sedia o poltrona comoda sono l’unico requisito indispensabile.Nel caso sia possibile (non è obbligatorio) un fasciatoio per il cambio del pannolino (che può essere allestito in bagno se c’è spazio); opuscoli informativi e, ove possibile, un mini spazio – gioco per i bambini.

 

Cosa NON deve prevedere?Nel Baby Pit Stop de La Leche League possono fermarsi tutte le mamme, sia che allattino o che usino il biberon, ma il Baby Pit Stop NON deve essere usato per pubblicizzare o promuovere latti formulati, pappe, tisane per neonati, alimenti per lo svezzamento, biberon, ciucci e tettarelle! Quindi nei Baby Pit Stop NON possono essere lasciati volantini, omaggi, riviste che pubblicizzino questo e altri tipi di prodotti che violino il “Codice internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno”.

 

La Leche League

La Leche League Italia Onlus è un’associazione internazionale nata per fornire alle donne che vogliono allattare informazioni e sostegno da mamma a mamma, attraverso pubblicazioni, incontri di gruppo, consulenze telefoniche, per posta normale o elettronica.

Il Baby Pit Stop, nato nel 2004 su iniziativa de La Leche League, è un progetto che vuole anche attuare il passo n. 6 dell’iniziativa dell’UNICEF “Sette passi per la comunità amica dei bambini per l’allattamento materno” in cui si raccomanda di creare ambienti accoglienti per favorire l’allattamento.

 Le Consulenti de La Leche League si possono contattare dal sito www.lllitalia.org o dal numero unico nazionale 199-432326

 

Sono un Ente/esercizio commerciale/asilo/ufficio/farmacia interessato ad aderire all’iniziativa Baby Pit Stop de La Leche League. Cosa devo fare?

 Puoi metterti in contatto con:

Sportello Informadonna

 c/o Biblioteca Comunale Mozzi - Borgetti

  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 Tel. 0733 256379

 

Sacrica l'informativa in fondo.

 

Il 23 giugno 2014 è scaduto l'avviso Avviso pubblico promosso dal Comune di Macerata  "La città a lavoro" in favore di soggetti colpiti dalla crisi economica ed esclusivamente residenti nel Comune di Macerata.

Il Comune di Macerata attraverso questo bando intende promuovere in favore di soggetti colpiti dalla crisi economica l’attivazione di progetti di borsa lavoro presso enti pubblici, aziende private ed enti del Terzo Settore, che operano nel territorio del Comune di Macerata.

Con DD n. 176/190 del 17/07/2014 è stata approvata la graduatoria provvisoria del progetto suddetto e pertanto gli enti pubblici, le aziende e gli enti del Terzo Settore interessati ad ospitare uno di questi soggetti, possono ricevere informazioni e consultare la graduatoria dei soggetti ammessi per poter poi procedere con l'inserimento in azienda entro il mese di Novembre 2014.

Specifichiamo che l'azienda, per l'inserimento di uno dei soggetti facenti parte della graduatoria, dovrà sostenere una cifra esigua.

Per ulteriori informazioni il link al sito del Comune è il seguente: http://www.comune.macerata.it/Engine/RAServePG.php/P/196321CMC0200/M/28501CMC0122

Per informazioni o richieste telefoniche chiamare lo 0733/256243 -465 fax. 0733/256238

mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

Il vice Presidente vicario di Confesercenti: “BCE e Banca d’Italia chiare. Il  Governo dia più sostegno ai Fondi di Garanzia, ma le banche facciano loro parte”

“La Bce ha parlato chiaro. Le Pmi italiane sono tra quelle che pagano di più il credito in Europa, anche se sempre più esiguo: solo da gennaio 2013 a maggio di quest’anno, i prestiti bancari alle aziende italiane sono crollati di altri 48 miliardi. Una situazione insostenibile: il Governo e le banche si attivino subito per riattivare l’erogazione del credito e ridurne i costi per i piccoli, come hanno chiesto la Banca Centrale Europea e la Banca d’Italia”.

Così Massimo Vivoli, vice Presidente vicario di Confesercenti e Presidente di Italia Comfidi, sul bollettino mensile della Banca Europea e sulle parole del Governatore di Banca D’Italia Ignazio Visco.

“Le due banche centrali hanno più volte sottolineato la necessità di far ripartire il credito alle imprese, trasformando le iniezioni di liquidità ricevute dal sistema bancario in sostegno all’economia reale. Ancora oggi la Banca d’Italia ha dichiarato che ci sono a disposizione 120 miliardi di euro per il credito. Un fiume di risorse, che però diventa puntualmente un rivolo insignificante per le PMI. Non basta limitarsi ad applaudire i moniti dei governatori: le banche devono anche metterli in pratica”.

“L’effetto della crisi del credito sulle piccole e medie imprese italiane – conclude Vivoli – è stato devastante. Ha accelerato le chiusure, come possiamo constatare ogni giorno attraverso i nostri Confidi e centri che offrono servizi per il credito sul territorio, ed ha anche dato nuovo impulso all’usura, come sottolineato dalla Banca d’Italia. Bisogna agire subito. Le banche devono fare la loro parte, e pure l’Esecutivo deve intervenire: chiediamo che si dia più sostegno ai Fondi di Garanzia, incrementandone la dotazione, per sbloccare al più presto l’ingranaggio del credito alle PMI”.

Monday, 30 June 2014 09:34

POS OBBLIGATORIO DAL 30/06/2014

Pos. Confesercenti, “batosta poco utile: 7 italiani su 10 non cambieranno abitudini di pagamento, ma a imprese costa 5 miliardi l’anno”

Confesercenti: “Le commissioni sulle transazioni rischiano di annullare i margini di tabaccai, giornalai e gestori carburanti, necessario intervenire. Prevedere sgravi a imprese e consumatori per aumentare l’uso delle transazioni elettroniche”

L’obbligo di accettazione di pagamenti via bancomat e carte di credito è un intervento ‘pesante’, che si trasformerà in un costo aggiuntivo di circa 5 miliardi l’anno per le imprese. E che rischia di essere per giunta poco utile, visto che la grande maggioranza degli italiani (il 69%) non ha intenzione di cambiare le proprie abitudini di pagamento a seguito dell’entrata in vigore dell’obbligo.

Tabella 1 – Pos, stima dei costi annuali

Voce di spesa

Costo (euro)

Costi di esercizio (canoni POS e linea telefonica)

1.032

Commissioni su transazioni 

650

Totale

1.682

Esborso complessivo per le imprese italiane

5 miliardi

Fonte: elaborazioni Ufficio Economico Confesercenti

Domanda: personalmente, dal 30 giugno Lei:

Risposta

Rispondenti (%)

Manterrà le stesse abitudini di pagamento che aveva precedentemente all’entrata in vigore dell’obbligo

69

aumenterà la percentuale di pagamenti 

eseguita con carta di credito o bancomat

31

Fonte: sondaggio Confesercenti SWG sulla moneta elettronica

E’ questo il quadro tracciato da uno studio condotto da Confesercenti sugli oneri derivanti per le imprese dall’obbligo, che scatterà lunedì 30 giugno, e da un’indagine condotta insieme a SWG sulla percezione del provvedimento da parte degli italiani.

Gli imprenditori si troveranno a sostenere aggravi di circa 1.700 euro l’anno ciascuno, secondo  le stime dell’ufficio economico Confesercenti, che ha calcolato canoni, commissioni, costi di installazione e di utilizzo di una nuova postazione Pos per una PMI ‘media’ che realizzi 50.000 euro di transazioni elettroniche ogni l’anno.

Complessivamente, il ‘conto’ pagato dal totale delle imprese italiane per sostenere l’operazione ammonterà a 5 miliardi di euro l’anno. Una ‘tassa’ superiore per esborso al gettito dell’addizionale comunale dell’Irpef, e che rischia di mettere in difficoltà le imprese proprio nel momento in cui si vedono i primi barlumi di ripresa.

Così com’è configurato, l’intervento per favorire la moneta elettronica è squilibrato, poiché sposta l’intero onere dell’operazione sugli esercenti, mentre banche, poste e uffici della pubblica amministrazione continuano ad essere restii ad accettare le transazioni elettroniche.

Soprattutto se si considera che i costi di utilizzo e installazione dei POS hanno un’incidenza ancora maggiore per gli esercizi caratterizzati da pagamenti di piccola entitàe da piccoli margini – come i gestori carburanti, i tabaccai, gli edicolanti, i bar ed altri – chevedranno il proprio utile dimezzarsi o azzerarsi, andando addirittura in rosso.

Il peso economico delle transazioni elettroniche preoccupa anche i consumatori. Tra gli ostacoli alla diffusione della moneta elettronica segnalati con maggiore insistenza dagli italiani compaiono in prima posizione proprio i costi di carte e bancomat – indicati dal 40% dei nostri concittadini – e il rischio di frode, che preoccupa il 36%.

“Un maggiore uso della moneta elettronica – commenta Confesercenti -  sarebbe senz’altro positivo, perché diminuirebbe i rischi ed i costi connessi alla gestione del contante. Bisogna però intervenire subito a favore degli esercizi a basso margine ed abbandonare l’approccio utilizzato fino ad ora. Meglio percorrere la strada degli incentivi fiscale, da riservare alle imprese e ai consumatori che usano carte di debito e di credito. Una strategia che, nei Paesi dove è stata applicata – come Argentina e Corea del Sud – ha dato ottimi frutti”.

Domanda: qual è, tra i seguenti, il principale ostacolo, secondo lei,  ad un maggiore uso delle carte di credito/ bancomat nei pagamenti:

Risposta

Rispondenti (%)

Canoni e costi

40

Rischi di frode/timori sulla sicurezza dell’operazione 

34

Difficoltà nel tenere conto delle spese effettuate

16

Scarsa informazione

10

Fonte: sondaggio Confesercenti SWG sulla moneta elettronica

Thursday, 12 June 2014 15:38

CORSO DI PIZZERIA

 

 

DESCRIZIONE: Corso pratico per acquisire tutte le competenze necessarie per svolgere la professione di pizzaiolo.

CONTENUTI: : Orientamento e bilancio delle competenze in ingresso, Tecniche di pizzeria, Scienze degli alimenti e principi di nutrizione, Allergie, intolleranze ed altre patologie alimentari, Normativa igienico sanitaria e haccp, Sicurezza:Formazione generale e specifica (rischio basso) per lavoratori, Prevenzione incendi.

CALENDARIO: da definire

ORARIO: Lezioni di 4 ore  orario 15-19

DURATA: 24 ore

ATTESTATO:  attestato di frequenza 

SEDE:  MACERATA

DATE PROSSIMO AVVIO:  PRENOTATI GIA' DA ORA

Per le iscrizioni SCARICARE I MODULI allegati di seguito e inviarli per posta, fax o mail al seguente indirizzo: CENTRO SVILUPPO COMMERCIO TURISMO TERZIARIO. – Macerata, Via Giovanni XXIII 45 (zona ind. Sforzacosta, palazzo direzionale a piano terra)

Per altre informazioni contattare l'ufficio preferibilmente di mattina dalle ore 09.00 alle ore 13.00 ai seguenti numeri 0733/240962- 0733/291344.


 

ISCRIZIONI APERTE!!

avvio 25/05/2020

modalità didattica a distanza (in videoconference)

ultimi giorni per iscriversi!

CORSO AUTORIZZATO DALLA REGIONE MARCHE

logo regionemarche

DESCRIZIONE: Il corso in oggetto è obbligatorio per tutti coloro che devono sostenere l'esame in Camera di Commercio per la successiva iscrizione al ruolo di agenti d'affari in mediazione.

L'acquisto di una casa è un'operazione delicata che va gestita e affrontata con estrema cautela e, in questo contesto, si inserisce la figura chiave dell'agente immobiliare; quest'ultimo è un mediatore professionista che ha il compito di mettere in relazione due o più parti per la conclusione di un affare, senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza (art. 1754c.c.).
L'attività dell'agente immobiliare è regolata da precise disposizioni di legge e da principi deontologici codificati, il cui rispetto garantisce lo svolgimento di compravendita e locazione immobiliari trasparenti e corrette.
Requisito indispensabile per poterla eser citare è l'iscrizione al Ruolo degli agenti d'affari in mediazione presso la Camera di Commercio.
Il percorso formativo proposto si pone come obiettivo quello di formare una figura professionale che sia in grado di impostare la propria attività mediatrice, pianificando al meglio investimenti e spese, fissando obiettivi di incasso e monitorando l'andamento dell'attività. Il corso affronta i concetti di base per la gestione di una piccola impresa come un'agenzia immobiliare.

TITOLO DI STUDIO: Diploma di scuola media superiore di 5 anni o diploma di qualifica di 3 anni rilasciato da istituti professionali.

CONTENUTI:Orientamento e Bilancio delle Competenze, Nozioni di Diritto Civile, Estimo, Aspetti Tributari, Sicurezza nei luoghi di lavoro.

CALENDARIO: 3 giorni a settimana

ORARIO: Lezioni di 3/4 ore in orario tardo pomeriggio/serale, 18.00-22.00

DURATA: 120 ore(il margine di assenza non può superare il 25%)

ATTESTATO: certificato di partecipazione al corso necessario per l'iscrizione all'esame  che si può sostenere in qualsiasi Camera di Commercio in Italia.

SEDE: Macerata, Via Giovanni XXIII 45 (zona ind. Sforzacosta, palazzo direzionale a piano terra)

MATERIALE: dispense e materiale di cancelleria compresi nel prezzo.

TUTTI I CORSI VERRANNO AVVIATI AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI

In fondo alla pagina tovate i moduli da scaricare e rimandare compilati per mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. o per fax allo 0733/240962.

TARIFFE AGEVOLATE PER GLI ASSOCIATI - CONTATTATECI PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER ISCRIZIONI

 

logo anama 2

L’ANAMA è un’Associazione nazionale di categoria promossa e organizzata da Confesercenti, che opera in rappresentanza degli operatori del settore dell’intermediazione immobiliare e dei mediatori creditizi, associati alla Confederazione. ANAMA si colloca dal punto di vista organizzativo, nell’ambito dell’apposita macroarea dei servizi istituita ai sensi dello Statuto e del regolamento di attuazione nazionali della Confesercenti e si articola, a livello territoriale, in ANAMA regionali e provinciali.

L’Associazione, costituita con regolare atto notarile nel 1992, ha celebrato il primo Congresso Nazionale l’anno successivo a Firenze, coinvolgendo le principali società di intermediazione immobiliare, agenti e mediatori individuali e le strutture Confesercenti del territorio.

Imprese guidate da professionisti” è il motto di ANAMA, che condensa in sé l’azione sindacale che l’associazione porta avanti attraverso iniziative territoriali, convegni, seminari e attività istituzionali presso il Governo e i principali Ministeri.

ANAMA è diffusa su tutto il territorio nazionale, mediante l’organizzazione delle organizzazioni provinciali e dei coordinamenti regionali, coinvolgendo un numero consistente di professionisti del settore che operano nelle 114 sedi provinciali.

CLICCA L'IMMAGINE PER VEDERE L'INTERVISTA

AL PRESIDENTE ANAMA

 intervista anama

Per info chiamare 0733/240962

 

Macerata, maggio 2014

Contributi alle PMI commerciali

Bando REGIONE MARCHE

SOGGETTI BENEFICIARI:

piccole imprese, singole o associate del commercio al dettaglio e della somministrazione di alimenti e bevande.

SPESE AMMISSIBILI:

- Ristrutturazione, manutenzione straordinaria, nonché ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività commerciale (le spese relative al deposito merci e agli uffici non sono ammissibili a contributo anche se il deposito/ufficio è contiguo all’unità locale);

- Attrezzature fisse e mobili strettamente inerenti l’attività di vendita e/o di somministrazione di alimenti e bevande;

-  Arredi strettamente inerenti l’attività di vendita e/o somministrazione di alimenti e bevande (ad eccezione di complementi di arredo, suppellettili e stoviglie, e quant’altro non strettamente funzionale all’attività da incentivare).

Tutte le spese devono essere di nuova fabbricazione.

Non sono finanziabili gli investimenti realizzati mediante leasing.

La spesa ammissibile, al netto di IVA, non può essere inferiore a Euro 15.000,00 e superiore a Euro 80.000,00.

Sono ammessi a finanziamento i progetti ancora da realizzare o già realizzati a far data dal 1° gennaio 2013.

MISURA DEL CONTRIBUTO: 15% della spesa riconosciuta ammissibile.

PRIORITA’. Il bando prevede numerose priorità fra le quali: nuovi esercizi commerciali dal 1° gennaio 2013, età dei titolari e soci, esercizi ubicati nei centri storici, lavori già completati o acquisti già effettuati, non avere percepito contributi pubblici, imprenditoria femminile,ecc.

SCADENZA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: 30 giugno 2014.

INFORMAZIONI E ASSISTENZA PER LE DOMANDE DI CONTRIBUTO

 

Tel 0733/240962 oppure 3665314711

 

 

Thursday, 22 May 2014 14:30

OFFERTA DI LAVORO

 

La Confesercenti di Macerata seleziona una figura di mediatore di creditizio (già iscritto all'OAM) per lo sviluppo dell'area credito.

INVIARE CURRICULIM VITAE A: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Tuesday, 29 April 2014 15:51

CORSO ANTINCENDIO

ISCRIZIONI APERTE!

AVVIO NUOVO CORSO RISCHIO

BASSO eMEDIO 2 LUGLIO 2019 orario 15-19

DESCRIZIONE: Corso obbligatorio di base rivolto ai lavoratori incaricati della gestione delle emergenze in caso di incendio ai sensi dei D. Lgs. 81/2008 e D M. 10/03/1998 Conferenza permanente per i rapporti tra lo stato le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano Accordo 21 dicembre 2011

ORARIO: Lezioni di 4 ore pomeriggio (15-19)

DURATA CORSI BASE:

  • CORSO A:
    CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA'  A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)
  • CORSO B:
    CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA'  A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO (DURATA 8 ORE)
  • CORSO C:
    CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATO (DURATA 16 ORE)

ATTESTATO: attestato di frequenza ai sensi di legge

SEDE: Macerata zona ind.le di Sforzacosta- Via Giovanni XXIII N.45 (vicino al concessionario Audi Cirioni)

TUTTI I CORSI VERRANNO AVVIATI AL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI E LA DATA DI AVVIO CORSI SARA' COMUNICATA UNA VOLTA RAGGIUNTO IL NUMERO.

In fondo alla pagina trovate i moduli da scaricare e rimandare compilati per mail a  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  o per fax allo 0733/240962.

TARIFFE AGEVOLATE PER GLI ASSOCIATI - CONTATTATECI PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER ISCRIZIONI

 

 

«StartPrev891011121314151617NextEnd»
Page 13 of 20
Seguici!
ScrivereFestival
Scuola Gulliver
Formazione
Contattaci subito con Skype

Siamo online su Skype! Contattaci per ulteriori informazioni

Seminari
Clicca mi piace sulla nostra pagina