Print this page
Wednesday, 27 November 2013 15:56

INVITO INCONTRO LUNEDI' 2 DICEMBRE 2013 Featured

In Parlamento è in corso il dibattito sulla legge di stabilità e data la preoccupazione che ci deriva dalla difficilissima situazione economica del Paese e della nostra Regione, riteniamo utile promuovere un incontro al quale hanno assicurato la loro presenza Parlamentari eletti nelle Marche IRENE MANZI, LUCIANO AGOSTINI, PIERGIORGIO CARRESCIA, CAMILLA FABBRI il Presidente dell’ANCI Marche MAURIZIO MANGIALARDI e il Vice presidente della Giunta regionale Marche con deleghe al commercio, fiere, e mercati ANTONIO CANZIAN, per illustrare le nostre posizioni e cercare una strada che possa restituire speranza e fiducia nel mondo da noi rappresentato.

l’incontro, che si svolgerà,

LUNEDI’ 2 DICEMBRE 2013 alle ore 10

Presso il Parlamentino della CCIAA di Ancona.

In Largo XXIV Maggio 1

prevede l’introduzione di Claudio Albonetti, PRESIDENTE Confesercenti Marche, alla quale seguiranno interventi di MAURIZIO MANGIALARDI e di ANTONIO CANZIAN.

Siamo convinti che nell’attuale contesto economico e sociale il Disegno di Legge Stabilità può e deve rappresentare l’occasione per adottare provvedimenti coraggiosi finalizzati a sostenere le imprese, far ripartire gli investimenti, incentivare i consumi. Nel complesso, invece, il Ddl risponde solo parzialmente, e troppo spesso in modo insufficiente, alle reali esigenze delle imprese e ai bisogni del Paese. Undici miliardi non rappresentano lo shock di cui l’Italia ha bisogno per uscire dalla recessione; serve, a nostro avviso, almeno il doppio della cifra prevista dal Governo, concentrato su alcune priorità decisive per la ripresa dell’economia.

E’ necessario, prima di tutto un intervento strutturale a favore delle Piccole e Medie Imprese, intervento che affronti efficacemente i molti nodi che ne limitano la competitività. I punti chiave: limitazione sostanziale dell’imposizione fiscale sulle imprese e sul lavoro; misure per favorire gli investimenti e l’innovazione; ridimensionamento del peso della burocrazia; ripensamento e profonda riduzione della spesa pubblica.

La prima mossa è sicuramente in capo al Parlamento; ci sono tuttavia azioni che dovranno compiere gli Enti locali, che vogliamo sensibilizzare attraverso l’ANCI nel momento in cui si apprestano ad impostare i bilanci; serve una modifica normativa che finalmente riduca la burocrazia e riduca il costo dell’apparato istituzionale. Serve, una modifica normativa che, anche a livello regionale, si occupi del funzionamento e della riduzione del costo dei servizi grazie alla promozione della gestione associata ed il buon funzionamento delle aziende erogatrici.

Confidiamo sulla tua presenza.

 Il Presidente Confesercenti Marche

 Claudio Albonetti